Problematiche dell'adolescenza

L’adolescenza, dal latino “adolescere” che significa “crescere”, è la fase della vita durante la quale l’individuo conquista le abilità e le competenze necessarie ad assumersi le responsabilità relative al futuro stato di adulto. Questo periodo di transizione dallo stato di bambino a quello di giovane adulto prevede una costante evoluzione e continue trasformazioni che spesso, dall’esterno, vengono scambiate per volubilità, instabilità, squilibrio. In questo momento della vita gli interrogativi e i dubbi su di sè, le trasformazioni del proprio corpo, i conflitti con i genitori rappresentano dei momenti di passaggio che possono non costituire una patologia. I rapidi e consistenti cambiamenti causano una fase di disequilibrio in cui tutto viene rimesso in discussione ed è difficile per il ragazzo o la ragazza, spettatori consapevoli delle mutazioni repentine che li riguardano, attribuire un senso a quello che sta loro accadendo. E’ un periodo di forte mutamento e crisi psicologica che necessita di affetto e punti fermi e il dare limiti fissi è un’impresa molto ardua.

Ci sono vari fattori da considerare attentamente in questa delicata fase della vita: il più rilevante riguarda lo sviluppo emozionale. L’iper-protezione che caratterizza la società occidentale, provoca un ritardo nello sviluppo psicologico ed alcuni tratti tipici dell’adolescenza si protraggono oltre la giovinezza. Inoltre in questo periodo, l’egocentrismo tipico dell’età infantile, viene superato, ma ancora il giovane non ancora adulto non riesce pienamente ad immedesimarsi nell’altro. E’ una fase di vita in cui tutto cambia, il proprio corpo, il rapporto con l’altro sesso, con l’autorità, gli innamoramenti ela dipendenza dai genitori. L’adolescente in questa fase (generalmente tra i 15 e i 18 anni) ha bisogno di costruirsi una nuova identità, una nuova struttura, un nuovo modo di esistere. L’adolescenza non è dunque una malattia. E’ una fase della vita caratterizzata da una fragilità somatica e psicologica, in cui si è spavaldi e fragili simultaneamente, in cui le emozioni sono vissute pienamente e potentemente.

Tutto si risolve se i genitori hanno fiducia nella vita e in loro stessi.

Nel caso in cui l’adolescenza si complichi, il compito dei genitori è quello di farsi supportare, in questo periodo difficile, da una psicoterapia che aiuterà a sostenere il giovane e la famiglia in un periodo che mette a dura prova e spaventa gran parte delle persone. Parlare e supportare i figli in questo momento delicato può essere consigliato, anche se spesso l’adolescente è tentato da tutto ciò che spaventa i genitori, per esempio droga e sesso. Ascoltare e dare limiti può essere doloroso e difficile, ma è necessario e renderà più semplice il processo verso l’adultizzazione.

Telefono

(+39) 3466655188 (WhatsApp Attivo)

Studio

Corso Pietrobuoni 30
40019 Sant'Agata Bolognese (BO)